11 Maggio 2019 / 10:00 CEST
inter for specials quarta categoria calcio
Inter fs A
1:2
udinese for specials quarta categoria calcio
Udinese fs

INTER FS A
Bassani, Bressani, Troccolo, Sarra, Masucci, Bonavita, Di Fazio
Panchina
Cotta, Zaneletti,

All. Lanzoni/Mattei

Marcatori
Sarra (4’)

UDINESE FS
Scotti, Callone, Cascino, Tangari, Settecase L., Baldi, Fazio
Panchina
Specchio, Cortellini, Settecase A.,

All. Lanzani

Marcatori
Tangari (8’, 26’)

Per essere una partita di fine stagione tra due squadre che poco hanno da chiedere alla classifica, Inter fs A-Udinese fs è stata incredibilmente combattuta e sentita da parte di tutti.
Inizio partita agonistico, ma un po’ confusionario da entrambe le parti. È soprattutto Tangari che si fa vedere, mettendo spesso in difficoltà la retroguardia nerazzurra con il suo gioco scatto-e-tiro. Bonavita e Troccolo si alternano in marcatura, ma fanno fatica a contenerlo.
All’improvviso, si “sveglia” Masucci – fin a quel momento quasi spettatore – e si accende l’Inter fs A andando in vantaggio. Finta geniale sulla sinistra, salta un avversario e serve un pallone in area per Sarra, il cui primo tiro da distanza ravvicinata è respinto da Scotti che però nulla può sul tap-in vincente dello stesso numero nove interista. L’Udinese non ci sta e continua ad attaccare, ma quello di buono che fa in fase difensiva non riesce a proporlo in chiave offensiva. Scotti blinda la difesa bianconera con una sicurezza da veterano e si conferma uno dei migliori portieri (se non il migliore) di questo Torneo Lombardia.
Il pareggio arriva su una clamorosa indecisione di Troccolo che non rinvia lungo e si fa portare via il pallone dalla scatenato Tangari, che poi fulmina Bassani con un preciso diagonale.
Masucci prova il colpo da maestro direttamente sul calcio di inizio, ma viene falciato dallo stesso Tangari (ammonito) ed è costretto ad uscire dal campo. E senza Masucci, si spegne la luce dell’Inter. Così, in finale di tempo, l’Udinese sfiora il raddoppio con Antonino Settecase che raccoglie il lancio lungo di Cascino e fa fa partire un tiro pericoloso che va di poco a lato.
Inizia la ripresa e l’Udinese spinge al massimo, mentre l’Inter si fa trovare slegata e senza molte idee. Cotta è bravo in dribbling, ma cerca troppo spesso di fare tutto da solo e così le migliori occasioni le ha ancora la compagine bianconera. Troccolo evita il goal su una conclusione di Luca Settecase e poi è Bassani ad impedire la rete ancora a Settecase (su cross perfetto di Tangari) con una grande parata. Masucci rientra in campo a combattere, anche se un po’ acciaccato, ma è ancora l’Udinese ad avere l’occasione buona per passare in vantaggio: coast to coast di Cascino e conclusione alta.
Di Fazio stende Antonino Settecase e i bianconeri invocano un cartellino, ma l’arbitro grazia il numero 13 interista. Gli animi si scaldano un po’ e questo porta all’episodio decisivo dell’incontro. Calcio d’angolo in favore dell’Udinese, Troccolo frana addosso a Settecase (che non fa nulla per rimanere in piedi) e il direttore di gara indica il dischetto.
Decisione molto contestata, ma irrevocabile. Batte Tangari e realizza la sua doppietta personale.
L’Inter ha volontà ma sembra non avere la forza di rimontare e così finisce l’incontro. Udinese quasi perfetta in difesa, ma poco concreta in avanti. Inter decisamente Masucci-dipendente, soprattutto quando la partita si mette in salita.